deutsch polski



   In questa sezione vorrei elencare tutte le persone che mi avevano aiutato durante la mia escursione. L'aiuto sia da parte degli adulti, sia dei bambini incontrati, che piu di una volta mi cercavano un alloggio, e inestimabile. Ma, durante il mio cammino di molte ore, caldo e pioggia, anche le cose persino prosaiche come il permesso di andare in bagno oppure una conversazione breve, erano di grande valore.

 

 

 

  Durante il mio percorso, molto spesso cercavo un alloggio. A Pontebba, ci sono arrivata tardi, con una speranza di prenotare in un albergo raccomandato prima dalle signore dall'Azienda di Promozione Turistica del Tarvisiano. Dopo aver aspettato a lungo, si e rilevato che non c'erano più delle camere libere. Tuttavia, gli abitanti di Pontebba mi hanno suggerito un'altra soluzione: una camera nella stessa via, accanto, dove sono corsa subito perché il sole già tramontava. Proiettate, per favore, la mia gioia nel momento in cui una signora anziana in questo piccolo hotel privato, era d'accordo per ospitarmi.
 

Il percorso da Pontebba, lungo il Fiume Fella, le case piccole a Pietratagliata.

 


  A Gemona del Friuli, gli impiegati della posta mi hanno spiegato accuratamente come inviare i soldi dalla Polonia in Italia. Ma essi sono venuti il giorno successivo e siccome i miei fonti finanziari erano gia esauriti, ero costretta a fare il trasferimento di denaro lo stesso giorno.

 


  

  A una stazione di servizio a Tavagnacco, vicino a Udine, ho cominciato a cercare un denaro piccolo nel sacchetto per pagare per l'acqua minerale quando... e apparso un gentiluomo che ha pagato. A causa della fatica e sorpresa non ho protestato conto l'offerta dell'acqua.

 

A Nord di Udine, Via Nazionale percorre per la Pianura Friulana, e le Alpi in fondo.

 


   

 

 In seguito, fuori Udine,

 nelle cittadina di Paparotti,

 la signora da una cartoleria,

 mi ha spiegato precisamente,

 come andare a Palmanova.
 

 Questo edificio "spaziale"

 sorge su Crosada.

 Ecco piu o meno 

 a meta strada 

 tra Udine e Palmanova.

 

 

 

 

 

 

 

 

  Arrivo nelle vicinanze di Palmanova quando si fa tardi, mi innervosisco per la biforcazione della strada. Chiedo le persone incontrate a darmi una direzione, ma loro non capaci di darmi una risposta univoca. una persona mi suggerisce di tornare e di passare i binari, un'altra di continuare sulla stessa strada. Ma si e fermata una ragazza, l'ho chiesta una direzione ed un albergo e lei che mi ha offerto uno strappo. E allora, per dire il vero, sono salita. Senza quest'aiuto avrei camminare quasi un'ora chissà se in una direzione giusta ?  

 


  Aquileia e il mio progetto di offrire dell'ambra agli abitanti. Non avevo previsto di ricevere un souvenir- un simbolo di Aquileia, del cibo e dei libri. E stando scrivendo mi viene in mente un paragone di tre parole cioè: la bellezza, la bontà e la verità.

 

 

 La vista sul duomo

 e il campanile

 a Aquileia, dalla parte

 meno spesso fotografata.

 

 La tradizione vuole

 che l’alto campanile

 fosse stato edificato

 con i conci provenienti

 dalla demolizione

 dell’Anfiteatro.

 E’ alto 73 m e

 consente

 una

 vista ottimale dalle Prealpi

 alla pianura friulana

 ed alla laguna.

 Il testo proviene da:

 http://www.prolocoaquileia.it/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  E’ impossibile elencare tutte le persone che mi hanno aiutato a intraprendere quest'impresa, tutte le persone che mi hanno dato delle informazioni durante il percorso, i proprietari di aree private dove mi hanno permesso di fare le foto, gli autisti e le loro famiglie che erano pronti a offrirmi uno strappo e tutti coloro che passavano sulla strada accanto al bel donnone con uno zaino.

 

 

 

www.bursztynowyszlak.com